Recupero api

Scopri l'articolo

30 luglio 2018

Recupero api

La Nostra storia inizia ad Aprile del 2013 quando mi chiesero di recuperare uno sciame in un antico Palazzo, dopo un po’ di titubanza decisi insieme a mia sorella di andare a vedere la situazione e questo è quello che abbiamo trovato:

 

 

 

 

Da subito abbiamo capito che lo sciame non era più tale, ma si era trasformato in una famiglia vera e propria, probabilmente, con il senno di poi, le api erano lì da almeno 3-4 anni. Dopo attenta riflessione abbiamo comunque deciso di tentare la cattura dopo esserci documentate su casi come questo. Il Recupero è iniziato un fine settimana di giugno precisamente alle 5 del mattino, dopo un’ora di lavoro abbiamo quasi rinunciato quando riusciamo ad aprire la finestra:

 

Inizia l’operazione più complessa pezzo a pezzo abbiamo tagliato i pettini costruiti nel tempo dalle api e li abbiamo riposizionati in telai tecnici costruiti precedentemente. Ogni singolo telaio è stato posto nell’arnia vuota vicino a noi. Il procedimento è stato lungo e faticoso:

 

Le parti che non siamo riuscite a far stare nei telai le abbiamo staccate e spazzolate dentro nell’arnia, sempre con l’attenzione di non schiacciare la regina fino ad ottenere l’apertura delle ante che erano completamente propolizzate.

Dopo altre due ore di duro lavoro finalmente possiamo riposare:

 

 

Ma la nostra avventura non è finita decidiamo di aspettare alcuni giorni per il recupero dell’arnia per permettere a tutte le api di rientrare e nella speranza che la regina nella grande confusione sia entrata nella sua nuova dimora, ma purtroppo le immagini sono esplicative:

 

Ovviamente non ci perdiamo d’animo e andiamo nuovamente all’attacco per catturare la Regina:

 

Dopo questo ultimo intervento è rimasto un piccolo gruppo di api che abbiamo catturato in un piglia-sciami e ricongiunto con la casa madre. Finalmente la finestra era vuota e noi abbiamo Recuperato la Regina che è stata denominata “VOLPINA”.

Ringrazio per le fotografie Francesca che con molto coraggio ci ha assistito in tutte le operazioni di recupero sfidando api arrabbiate e irruente per il trasloco forzato.

 

Attualmente la ” Regina Volpina” gode ottima salute e si è abituata a vivere in una casa costruita dall’uomo e produce ogni anno ottimo miele.

Roberta Zaltieri